Colonia Dignitad, l’orrore, la stampa, il silenzio

21maggio1997

in evidenza, Storia • Visualizzazioni: 861

Un inferno, in nome di Dio. Non è raro. Ma Colonia Dignitad è stata qualcosa di più: un lager-setta fondato da Paul Schaefer, un ex-sottoufficiale nazista tedesco, pedofilo, nel Sud del Cile, a confine con l’Argentina. Amico di Pinochet, Schaefer ebbe la totale impunità in cambio dell’offerta degli spazi della sua comunità pseudo-religiosa per torturare e uccidere centinaia di oppositori politici. L’impunità durò ben oltre la caduta del regime dittatoriale cileno. Ora un film diretto da Florian Gallenberger ricostruisce la vicenda: inventati sono soltanto i due protagonisti.

VEDI IL TRAILER DI COLONIA DIGNITAD

Vero è che gli orrori di Colonia Dignitad furono svelati molto presto dalla stampa occidentale: come scriveva il Corriere della Sera (sotto), il 27 luglio 1975, France Soir aveva svelato che a Parral, nel Sud del Cile appunto, alcuni medici ex nazisti usavano cavie umane per i loro esperimenti in una “colonia” fondata dopo la guerra e chiusa da Allende.
27lugio1975

Lo stesso Corriere della Sera tornò sul tema il 6 febbraio 1984. In quell’occasione il quotidiano si rivelò molto meno cauto e denunciò i legami tra Pinochet e vari ex nazisti tra i quale Shaefer (del quale sbaglia il nome).
6febbraio1984

Il Corriere torna sul tema nel dicembre 1987 e parla di violenze e torture sessuali. Non accade nulla. Pochi mesi dopo, il 3 marzo 1988, ancora una denuncia. Il titolo, questa volta, è Una colonia senza “dignidad“. Si spiega che il fondatore è un pastore protestante fuggito dalla Germania dopo aver violentato alcuni bambini. Questa volta il giornalista, Giangiacomo Foà, è riuscito a entrare, ma ovviamente gli viene mostrato il volto pacifico di una comunità agricola. Eppure tutti sanno che a Colonia Dignitad sono sequestrati e uccisi gli oppositori del regime e che gli stessi esponenti della setta sono praticamente prigionieri.
3marzo1988

Ci vogliono quasi dieci anni: finalmente , il 21 maggio 1997, il Corriere della Sera annuncia che è cominciata la caccia al fondatore della setta, Paul Schaefer. Colonia Dignitad, in cui vivevano 300 tedeschi che avevano subito un vero lavaggio del cervello, era diventava addirittura una meta da weekend per la moglie del dittatore, Lucia Pinochet.

21maggio1997

Ultimo capitolo: il 25 aprile 2010 il Corriere annuncia che Schaefer è morto. A 89 anni, il torturatore, assassino e pedofilo pastore, scappato dalla Germania nel 1961, lasciava questa Terra dopo meno di cinque anni di carcere. Il suo arresto era stato ordinato nel 1997: era rimasto latitante fino al 2005. Poi era stato condannato a 20 anni per abusi sui bambini e crimini contro i prigionieri politici. Grazie al film di Gallenberger, interpretato da Emma Watson e Daniel Bruel, questa incredibile e tremenda vicenda è tornata d’attualità.

Tags:

Comments are closed.